Un giorno parlerò…

Strana domenica. Molto strana: carica di emozioni, di polemiche, ovviamente politiche. C’è il governo sull’orlo della crisi. C’è Berlusconi in prima pagina: compie gli anni. Sono settantasette. Una vita dedicata alla famiglia, alle imprese per costruire un impero e garantire migliaia di posti di lavoro. Poi alla politica che lo ha visto protagonista – nel bene e nel male – anche all’estero. Oggi è “sulla croce” per avere deciso di dire basta a questo governo che aumenta le tasse e non decide sull’Imu.  Dobbiamo prepararci di conseguenza a possibili elezioni anticipate.

Qualcosa dalla mia vita devo dirvi, poiché questo nostro incontro si avvia a diventare un importante movimento di opinione. Siamo già ventimila.. Conosco Berlusconi come pochi. Sono stato accanto a lui lealmente per ventisei anni. Senza mai chiedere vantaggi: né economici, né politici.  Ad Arcore eravamo pochi. Oggi ci sono altri. Forse saranno anche meglio di come eravamo. Questo lo dirà la storia.

La mia di storia è tutta alla luce del sole. E i cosiddetti “angoli bui” saranno presto illuminati dalla verità. La vicenda della valigetta con i soldi da portare in Svizzera è falsa. Frutto di una lettera anonima sulla quale ho chiamato ad indagare due Procure.

Sul caso Ruby – la realtà è ben diversa da quella che la giustizia di Milano racconta nel processo di primo grado. E da quella informazione impegnata a demonizzare giorno dopo giorno Berlusconi.

Sì, è  vero che qualcuno mi ha chiesto di scrivere la mia di verità  non solo su Arcore. Lo farò. Ci sarà la storia di Berlusconi uomo leale, generoso oltre ogni limite. Ma anche quella di ruffiani, traditori che hanno perso il senso della gratitudine. O forse non lo hanno mai avuto. Li conosco quasi tutti.

Tra qualche giorno decideremo il nostro raduno nazionale. Entreremo così nel vivo della politica, ma senza presunzione. Affiancheremo chi potrà garantirci da qualsiasi inciucio e dai vizi della vecchia politica.

Qualcosa si sta muovendo in questa direzione: un comitato di garanti (del quale faranno parte personaggi della politica coerente, dell’economia, della cultura, della giustizia). Ovviamente ci muoveremo nell’aria moderata, ma avendo tra gli obiettivi principali: riforma elettorale perché ciascuno possa scegliere il nome del candidato., giustizia che sia garante dei diritti di tutti, iniziative a sostegno di milioni di famiglie che sono al limite della povertà, di milioni di disoccupati, di pensionati costretti a chiedere aiuto alla Caritas, di malati che per una visita specialistica urgente subiscono attese anche di un anno. Non in tutti gli istituti, ma pensiamo alla vergogna di cosa accade al sud.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...