Il ballo dei ruffiani

Ruffiani di ieri e di oggi. Quelli per i quali un grande filosofo francese dice “la riconoscenza è soltanto attesa di nuovi favori”. Durante gli anni della RAI – soprattutto il periodo in cui ho diretto il TG1 – ne ho incontrati tanti. Bussavano alla mia porta “cappello n mano” per una intervista. O venivano scortati da raccomandazione dei potenti di allora.

Più ancora Mediaset, dove ho fondato l’informazione e diretto, per venticinque anni, il TG4: politici, stilisti, agenti di divi e divine, medici nutrizionisti, dermatologi, chirurghi plastici. Pioggia di telefonate, di inviti ed omaggi rigorosamente rifiutati. Stilisti – qualcuno – che ritardavano l’inizio della sfilata per attendere il mio arrivo.

Lasciato il TG4 ed il TG1 il silenzio che mortifica non la mia, ma la loro dignità. Fortunatamente non mancano quelli che “numeri uno” nella loro categoria, che della gratitudine, come della professionalità, hanno fatto la loro bandiera. Gli uni e gli altri troverete presto in questa rubrica, e non più tardi nel libro che ha per titolo “il balletto dei ruffiani”.

Attenzione: se avete delle storie scrivete. Evitando i nomi eviteremo le querele. Ma chi sa si ritrova.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...